NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrivendoti alla newletter dichiari di aver letto e accettato l'informativa sul trattamento dei tuoi dati personali.

* indicates required

Salice Terme - Voghera: un'avventura tra i colli Tortonesi

Nuova domenica, nuova ciclabile, nuovo posto da scoprire, infatti siamo andati al confine tra Piemonte, Liguria e Lombardia, per goderci una mattinata di sole e primavera, destinazione Salice Terme. Piccola località tra i colli tortonesi, famosa per le sue acque termali, ma ahimè non siamo venuti fin qui per farci un bagno rilassante, ma per godere di una ciclabile molto bella e ben curata che ci porterà a Voghera.

gruppo

Pronti partenza.... ma il bus? Salice Terme - Voghera una partenza in salita

Il ritrovo è alla stazione di Voghera per prendere un bus che ci dovrebbe accompagnare, in poco meno di 20 minuti, a Salice, nonostante il nostro arrivo in perfetto orario del bus non vi è traccia, aspettiamo una decina di minuti, ma nulla, così decidiamo di recuperare una macchina e arrivare alla partenza.

Infatti percorreremo la ciclabile "in discesa", perchè corre su un altipiano che degrada dolcemente fino a Voghera, è davvero piacevole poter pattinare così, inoltre, nota curiosa, questa ciclabile corre lungo la vecchia ferrovia che collegava Voghera a Varzi (manca il tratto da Salice a Varzi).

Senza scoraggiarci alle 11 e mezza passate ricomponiamo il gruppo, mettiamo i pattini e siamo pronti alla nostra domenica in tour!

scivolando

Panorama e Natura: scivolando verso valle

Appena partiti ci accorgiamo subito che bisogna spingere poco, che le ruote scivolano veloci e senza intoppi, così anche i meno esperti si lasciano andare, si guardano intorno, chiacchierano e lasciano che la natura li avvolga.

Passando tra un campo di camomilla profumatissima e incrociando gallerie di acacie fiorite è davvero divertente, la discesa perpetua, inframmezzata da qualche salita e qualche discesa "vera" che crea un po' di brivido, è un buon modo per prendere dimestichezza con le frenate.

scorci

La prima parte del percorso è lungo il fiume, in un contesto di parco cittadino, poi a Rivanazzano si salta dall'altra parte del fiume (prima scorre alla nostra destra e poi a sinistra) e, dopo un breve tratto cittadino, ci si ri-immette nella ciclabile, che ora corre tra i campi.

Lungo il percorso ci sono aree pic nic (nella prima parte almeno), fontanelle e a metà un bar proprio lungo la ciclabile, noi non ci siamo fermati perchè il tempo cominciava a minacciare acqua.

Superata una rotonda (ben segnalata e gestita anche dalla ciclabile), affrontiamo l'ultimo tratto che, con grande sorpresa corre veloce (sempre in discesa) tra papaveri in fiore e un verde quasi accecante.

salice voghera

E poi tutti in pizzeria!

Si arriva a Voghera, in poco meno di un'ora, sono 15 km in tutto, lasciando il tracciato della vecchia ferrovia per proseguire lungo una ciclabile cittadina, non proprio curata a dire il vero e in parte con fondo di autobloccanti, che per i pattini non sono davvero il massimo, passata l'Esselunga ci si ritrova nel parcheggio alle spalle della stazione.

Salutiamo chi non pranza con noi, recuperiamo chi invece ha avuto un fuori programma in treno e si va in pizzeria per la degna conclusione della nostra giornata.

Qualcuno tornerà a Salice in pattini e qualcuno in auto per recuperare le macchine, ma resta la bellissima giornata in ottima compagnia in uno scenario davvero incredibile!

salice voghera 2

 

FacebookTwitterGoogle BookmarksRSS FeedPinterest
Pin It